Blog nato per condividere pensieri e foto sulla subacquea NO STRESS





lunedì 19 maggio 2008

Ma che bella!!!

Ho trovato questa poesia che non conoscevo su un blog che leggo da poco "....Vivi il mare con noi"
è un blog stupendo di due persone che hanno avuto quel coraggio che a me manca...mollare tutto e vivere al/sul/il mare...
La poesia è di De Filippo (ho un libro di poesie di Totò, ma De Filippo mi mancava..ed è un peccato perchè devo dire che le sue poesie sono davvero belle).

L'ultima frase,grandissima nella sua semplicità, racchiude secondo me il senso di rispetto e di impotenza che spesso si prova guardando il Mare...

'O mare fa paura".
Accussì dice 'a ggente
gardanno 'o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice 'o stesso pure
dint' 'e gghiurnate 'e vierno
quanno 'o mare
s'aiza,
e l'onne saglieno
primm' a palazz' 'e casa
e po' a muntagne.
Vergine santa...
scanza 'e figlie 'e mamma!

Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde 'a vita,
fa pena.
E ssongo 'o primmo
a penzà ncapo a me:
"Che brutta morte ha fatto stu pover'ommo,
e che mumento triste c'ha passato".
Ma nun è muorto acciso.
E' muorto a mmare.
'O mare nun accide.
'O mare è mmare,
e nun 'o sape ca te fa paura.

Io quanno 'o sento...
specialmente 'e notte
quanno vatte 'a scugliera
e caccia 'e mmane...
migliara 'e mane
e braccia
e ggamme
e spalle...
arraggiuso cumm'è
nun se ne mporta
ca c' 'e straccia 'a scugliera
e vveco ca s' 'e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,
'e ccaccia n'ata vota
e s'aiuta c' 'a capa
'e spalle
'e bracce
ch' 'e piede
e cu 'e ddenocchie
e ride
e chiagne
pecché vulesse 'o spazio pè sfucà...
Io quannno 'o sento,
specialmente 'e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
" 'O mare fa paura",
ma dico:
" 'O mare sta facenno 'o mare".


E siccome oggi sono di aria (anzi di acqua dovrei dire eh eh eh) condivido con voi questo brano che ho ripescato (come sono oculato nella scelta dei termini oggi...) per chi mi ricordava che spesso il mare, quando andiamo a trovarlo, si fa trovare agitato...

Il mare mi apparve; che era infinito e tranquillo.

Era azzurro infinito, e nel lontano grandi strisce d'argento lo imbiancavano lunghe fino agli estremi orizzonti. La luce saliva dal mare, scendeva dal cielo, brillava nell'aria. Il mare era quieto e sicuro, solo un tremante margine di spuma sul lido tradiva il suo piacere di vivere. Azzurro e luce volavano sopra la terra. Il mare e il cielo respiravano luce e calore e ne inondavano il mondo.

I miei occhi si riempirono di lacrime tenere.

M'appoggiai allo spigolo di un muro. Ero nell'ombra, l'ombra del muro, che si stendeva fino a due passi da me stampata nera e diritta nella rena brillante: e oltre quella linea la rena continuava nella luce per un vasto spazio fino a un orlo di ghiaia dove finisce la terra.

Perché io sostavo così dentro quell'ombra del muro, per questo il mare non mi aveva ancora veduto.

Allora mi staccai dal muro e uscii all'aperto in mezzo a tutta la luce in faccia al mare.

Ed ecco di colpo s'oscurò rabbrividendo il sole e un tremito scosse il mondo come un gran terremoto dell'aria; d'improvviso tutto fu grigio e tempesta intorno a me, ed era spaventevolmente sconvolta la faccia del mare. Una ruga enorme d'un tratto l'avea tutta solcata dalla riva all'orizzonte come una voragine torbida, e poi altre cento o mille rughe lo frantumarono; caverne si scavarono e montagne s'arrampicarono: tutto si riaccavallò il mare di acque immerse che lo sconquassavano schiumando con una gran rabbia in tutte le direzioni. Le onde si mescolavano in alto con le nubi e riempivano l'aria di grida terribili correndo fragorosamente a rovesciarsi sempre più cavernose e colleriche contro la spiaggia: l'aria era piena di gelo e la sbattevano i venti. Anche il cielo era gonfio di nuvole e rabbioso e nero, perché il cielo non è che la fronte espressiva del mare.

Io fui subito molto contento che il mare mi trattava a quel modo. S'egli mi avesse accolto con indifferenza, o con una fredda e signorile cortesia come fa con certa gente, oppure - e ora confesso che questa era, fin dall'ora della mia partenza sul treno, il mio segreto timore - avesse addirittura finto di non riconoscermi, credo sarei morto dal dispiacere e dall'umiliazione. Invece il mare appena mi ebbe visto si corrucciò e m'aggredì con urli e minacciosi improperi, perché mi voleva ancora bene, come lui sa volere quando trova qualcuno che gli va a genio.
Perciò il mio cuore si gonfiò di gioia a quell'accoglienza iraconda. Non alzai verso lui le braccia, per un mio vecchio pudore dei gesti fatti; e nemmeno gli dissi nulla: neppure una parola. Credo che gli sorrisi.



Zio Checco non del Mare

5 commenti:

Libeccio ha detto...

...

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

chi è Zio Ceccho non del Mare?
...credo che gli sorrisi... anche a me capita di gauradarlo e semplicemente, sorridergli...

Belva ha detto...

Un bimbo una volta mi ha chiamato Zio Checco del mare....ora che un lampo di genio mi ha portato a vivere abbastanza lontano dal mare (ecco perchè gli devo delle scuse) mi sento più Zio Checco non del mare...

Gli sorrido anch'io....

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

Che bello essere chiamatozio Checco del mare"!...
i bimbi a volte colgono l'essenza delle cose meglio di noi...
un bimbetto che era in barca con noi per il weekend, vedendo una striscia di capelli che cominciano a imbiancare sulla mia testa mi chiese "come mai tu hai i capelli azzurri? sei una sirena?"... ahahaha Magari!

Belva ha detto...

hai assolutamente ragione sui bambini! Prima ho letto quelle frasi che hai sul tuo blog (quelle dei bimbi e il meteo..) mi hanno rimesso di buon'umore!!!
Si, Zio Checco del mare mi è sempre piaciuto un sacco...ma non voglio neanch epensare a come mi chiamerebbe ora!
Certo che però anche Sirena non è male! :-)