Blog nato per condividere pensieri e foto sulla subacquea NO STRESS





lunedì 30 giugno 2008

Amici, bambini, mare e....riposo!!! (lunghetto)

E' il sunto di questo we! (sunto=riassunto non sunto la marca di computer! Zio lo so che hai letto sciunto!)
Comincio da venerdì, bloccato dalla mattina per lavoro a Firenze decido nel pomeriggio di fare una sosrpresa alla 'Hostanza (Costanza letto alla Fiorentina), donna del Maestro e sopratutto grande amica...o meglio ex-amica!! Quando sono arrivato alla soglia del suo ufficio mi ha guardato per mezz'ora con degli occhi che dicevano: Ma chi è sto rincoglionito che non sa aprire la porta?!?!? Ci ha messo mezz'ora per riconoscermi!!! :-( Poi ho deciso di perdonarla solo perchè mi ha fatto un'ottima pasta al pesto e mi ha aperto i pomodorini che aveva preparato Corrado! :-)
Serata molto bella, serata di confidenze e di riflessioni...mi ha ricordato che l'anno scorso sentivo che non sarei più tornato a Prato Perillo.....e avevo ragione.. ;-(
Vabbè....

Mi rimetto in macchina alla volta di Bagnaia, l'indomani per fortuna Massi e Stè mi hanno invitato nel loro magnifico "piccolo angolo di paradiso" (cito Stè, e concordo...il posto è bello di suo ma loro lo hanno reso speciale); colazione con un cornetto alla nutella che mi sosterrà per l'intera giornata fino alla cena dello Chef Alessandro (ottimo cuoco, ma ne parlerò dopo).

Quello che mi stuzzica di più di questa giornata è la possibilità di scendere con dei bambini (Massi ha tenuto dei corsi quest'inverno con loro, inventando delle robe che devo dire sono notevoli...grande Massi!); Matteo e Alessio, 8 e 12 anni sono i nostri compagni di immersione...in acqua hanno quegli occhi che ti ripagano qualsiasi cosa...all'uscita sono un vulcano di domande, sono stupendi, vedono le cose con occhi diversi, per loro tutto è una scoperta fantastica...in loro vedi quello che vorresti vedere in tutti i subacquei...meraviglia, stupore per quello che hanno fatto! E semplicità...quando gli dico che quelle alghe che vedevano erano orecchie di mare mi dicono: Ma è vero che se le metti vicino l'orecchio senti il mare? :-D Non so perchè ma mi ha riempito il cuore questa frase...sono eccezionali!
La giornata prosegue con un'altra immersione a Torre Fico (che prende il nome dall'omonimo Hotel....) poco pesce ma una pace unica (dove io Stè stabiliamo la nostra incomunicabilità a gesti sott'acqua :-D)...a Massi non piacerà quello che sto per dire ma...per fortuna si incaglia l'ancora e scendo molto volentieri a disincagliarla...quanto vorrei restare giù ancora un pò....
Alto giro altra corsa, ma questa volta resto sul Gommone mentre Massi porta due amici a fare un giro e ne approfitto per un bagno fantastico...tornati al Diving troviamo Ale e Lory (Del Santo) che ci aspettano...per Alessandro è il battesimo in acqua dopo le prove in piscina; ma non solo...scopro che anche per me c'è la prima lezione di corso...ed è tenuta direttamente dal Course Director: Prima lezione per il Brevetto di Down Master!!! E visto com'è andata penso che non ci metterò molto a prendere il brevetto! Verò Maestra? ;-)
Anche quest avolta non vorrei più uscire dall'acqua...

Per la cena siamo di nuovo ospiti a casa di Ale e Lory; Ale ci prepara panzanella e carbonara e come l'altra volta cucina da favola! Mi spiace solo che devo rientrare e non posso bere tanto meloncello....ma la prossima volta mi rifarò!

Rientro a casa abbastanza tardi....e decido in una Domenica di ricarica: faccio poco o niente...bucato, gnocchi cacio e pepe (ormai non mangio altro, è fantastico cacio e pepe! :-) ) pisolino, stiro e passeggiatina per le vie di San Pellegrino....

Che dire, un we che mi ha rigenerato, anche perchè oltre a tutto questo ho sentito gli amici di sempre e un più vicino a loro (anzi Voi che leggete) quando sto al mare mi ci sento...ed è bello!

Un grazie a Massi a Stè perchè sono davvero stupendi e la NSD deve conoscerli (secondo me verrebbe fuori qualcosa di davvero incasinato ;-D ); e un grazie particolare anche al mio amico Matteo che mi ha riempito il cuore!!

Besos alla prossima!!! (scriverò di meno, promesso)

P.s.=come al solito non mi va di rileggere...Tà ci pensi tu?!?!?! :-D

giovedì 26 giugno 2008

Un vestito nuovo per il blog

***** post in progress ****

Che ne pensate?
Un nuovo vestito, senza rinunciare al blu, al nostro carattere, al nostro spirito incasinato?
Io vi faccio qualche proposta sperimentata sul mio blog di prova oppure vista in giro, voi esprimetevi senza riserve.

Ho visto questo tema: http://rounded-blue-for-blogger.blogspot.com/
riadattandolo con immagini meno leziose, sarebbe un buon template, IMHO.



Infine, ho prova
to a cambiare un po' i colori di uno dei temi standard, nell'immagine il risultato.










Libro Ospiti

O voi, che navigando nella rete, per caso o per sub passione, vi immergete in questo sito, lasciate un orma, una traccia nella sabbia, un commento, un link al vs. blog, "quacchecosa".

Gli ospiti sono sempre graditi, è un modo per conoscersi e condividere l'amore per il mare.

Benvenuti tutti i no stress visitatori e .... Buone Bolle!




martedì 24 giugno 2008

TATUACERNIA DAY!

Ragazzi, ragazzi, ragazzi!

Sono appena rientrata a Torino, mi scoppia la testa ma non resisto e devo raccontarvi subito il tatuacernia day

Siamo partiti in tre. Abbiamo scelto oggi perché qui è il patrono (e infatti nella mia già dolente testa rimbombano i fuochi che stanno sparando sul lungopo) e non c'era occasione migliore per un tuffo feriale al promontorio di Portofino. Siamo partiti in tre e in tre eravamo sul gommone per la dive: un incanto! Il primo tuffo, al Faro, non inizia bene perché tocca pinneggiare un po' e io con queste nuove pinne faccio una fatica assurda: ci ho messo un secolo a raggiungerli! Per fortuna la guida, cubano ma non ricordo il nome, ha esordito dicendo che con lui non si pinneggia quasi ma ci si ferma a guardare tutto quello che si ha voglia di osservare e così è stato. In effetti potevamo pure stare fermi e veder passare l'acquario che abbiamo incontrato oggi: un tripudio di cernie!! 

La mia felicità! 15, 20, non scherzo non so più quante ne abbiamo viste. Piccole, grandi, gigantesche: una addirittura si stava come rotolando sul fondo, tipo micio indolente; nella seconda immersione ne ho trovata una che stava giocando a "vediamo chi ride per prima" con una murena! La cerniotta fissava la murena e le faceva qualche smorfia ogni tanto, poi alla murena sono girate e ha mostrato il dentino un paio di volte. La cernia si deve essere detta: "ho vinto io, ha riso per prima!" e se l'è data a gambe...pardon a pinne!
Scherzi a parte erano davvero bizzarre, una contro l'altra e la cernia se l'è davvero data. 

Non posso non citare i tre polpi, pure quelli ben piazzati, visti sempre durante la prima immersione: come le cernie, anche loro erano assolutamente incuranti della nostra presenza; hanno dato una sbirciatina, hanno visto che non c'erano baresi nel gruppo e se ne sono tornati amabilmente a farsi i fattacci loro.

Mi sono ubriacata di cernie, continuo a vederle ma c'è stato un altro momento in cui ho goduto come una cernia che si gratta la schiena sul fondo del mare. C'era una bella corrente che ci ha costretti a cambiare direzione e quando ci siamo girati c'era un gruppetto di saraghi fasciati fermo, immobile e luccicante a prendersi tutto il "vento". Se non fossi ignorante potrei descrivervi un'altra bella immagine che ho in testa ma non mi vengono i nomi e quindi non ho le parole. 

Ovviamente non c'erano solo cernie. In acqua abbiamo visto dentici, pareti zeppe di margherite di mare, spirografi a nastro e saraghi e...niente, mi ricordo solo le cernie :-D
Fuori dall'acqua, invece, ha fatto capolino un pesce luna mentre ci dirigevamo verso il secondo punto di immersione, la grotta della colombara.

che tatuacernia day...
solo due cose ancora. La prima è che ho deciso di dotarmi presto (non troppo presto) di scafandro per la mia piccola ixus.
la seconda: quand'è che vi decidete a venire a gustarvi il promontorio? 



No Stress Dive (in trasferta)

Ciao Belva

Non potevo non Linkare il post di Kix che descrive la vostra "No Stress Dive"

lunedì 23 giugno 2008

In Calabria primo nido di tartarughe Caretta Caretta

Giugno 23, 2008


È la Calabria la regione prescelta dalle tartarughe marine: il 70% delle deposizioni di «Caretta caretta» avviene infatti lungo le coste calabresi. Lo rende noto il Wwf.
«Comincia il periodo di nidificazioni nel Mediterraneo per la Caretta caretta: dopo Grecia, Siria, Libano e Israele - si legge in una nota dell’associazione ambientalista - anche l’Italia dà il benvenuto ai primi nidi delle tartarughe marine quest’anno. È accaduto lungo le coste della Calabria, una regione ricca di spiagge adatte alla nidificazione ma anche tra le più aggredite dal cemento. Risale alla settimana scorsa il primo rinvenimento di un nido di tartarughe Caretta caretta. Il 14 giugno, sul lungomare di San Sostene (in provincia di Catanzaro) alle prime luci dell’alba, un residente del luogo si è accorto della presenza sulla spiaggia di una tartaruga in deposizione e ne ha filmato le ultime fasi.
Del fatto sono stati informati la Guardia Costiera e il Wwf Calabria, che ha immediatamente avvertito i ricercatori del Dipartimento di Ecologia dell’Università della Calabria, da anni impegnati nel più importante progetto di ricerca e conservazione sui siti di nidificazione della tartaruga marina in corso in Italia. Valutata la condizione di estremo rischio del sito di deposizione, gli esperti dell’Università hanno deciso, con l’appoggio della Guardia Costiera e d’accordo con il sindaco di S. Sostene, di traslocare il nido in un sito limitrofo che garantisse le migliori condizioni di idoneità ambientale e di sicurezza per le uova. Per queste ragioni, la sua localizzazione esatta non è stata per ora resa pubblica.
Lo sarà però al momento della schiusa (tra 45 e 70 giorni dopo la deposizione), così che tutti gli interessati possano assistere alla nascita delle piccole tartarughe e condividere con i ricercatori dell’Università e con il Wwf il »magico« evento.
La scoperta del nido è stata l’occasione per il Wwf Italia e l’Università di Calabria di presentare la loro collaborazione per il progetto TartaCare, un programma di ricerca sulla distribuzione e sullo status della tartaruga Caretta caretta lungo le coste ioniche, in collaborazione con le Università di Tor Vergata, di Firenze e di Pisa, e con la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. Il progetto vede coinvolto il Wwf Italia e la sezione regionale dell’Associazione nell’assicurare azioni costanti di conservazione e di sensibilizzazione in un’area che si è rivelata la più importante per la nidificazione della Caretta caretta in Italia, e che va pertanto tutelata.
«La costa ionica della Calabria, inclusa nel tratto costiero da Capo dell’Armi a Capo Bruzzano, ospita il maggior numero di nidi della specie marina in Italia - afferma Antonio Mingozzi, docente del Dipartimento di Ecologia dell’Università di Calabria - negli ultimi 5 anni ben 60 nidi su 86, il 70% dei nidi italiani sono situati in questo tratto costiero, che il Wwf e all’Università di Calabria si impegnano a monitorare e a salvaguardare».
Il programma, attivato nel 2000 dal Dipartimento di Ecologia dell’Università di Calabria, si avvale del contributo del Ministero dell’Ambiente, e dal 2003 ad oggi ha potuto seguire la nascita di 3650 tartarughe.

Fonte: LaStampa


giovedì 19 giugno 2008

Ninja's birthday

happy birthday to you




Auguri piccola ninjta, buon compleanno dalla Nsd!!!!!!!!!



E già, oggi ricorre il compleanno di Ninja!
Nessuno sa se questa data è effettivamente quella della sua nascita o quella della fine dgli insegnamenti del maestro Pei Mei (il monaco dalle sopracciglie bianche di Kill Bill)dove ha appreso l'antica arte di uccidere con lo sguardo (ancora oggi si narra che i suoi occhi roteanti siano più micidiali dell'alabarda spaziale di Goldrake)

Dal maestro Pei Mei approda successivamente alla corte del Maestro Corr Ado (ma quanto sono geniale in queste minchixxxx) dove apprende l'arte delle immersioni con autorespiratore (detto così è più figo).

Con questo bagaglio di esperienze gira il mondo e al comando di tre caravelle approda un giorno a Torre a Mare (famosa la frase della sua vedetta foggiana che esclama: TRR TRR TRR); si fa subito apprezzare dalle popolazioni indigene regalando monili e prodotti della sua terra (pomodori) e in breve tempo fonda una setta per la divulgazione dell'italiano perfetto la NSD (Non Siete Diligenti)....dopo aver subito ogni genere di sfottò dal gruppo costituitosi (Zio, Zia, Picci, etc etc etc) cambia denominazione in NSD (Non Siete Divertenti); tanti sono i nomi che ELLA da alla setta ovviamente di propria iniziativa Non Sono Democratica, Non Si Dorme, Noi Solo Dominiamo (onnipotenza foggiana), Non Si Discute etc etc etc fino a quando in uno splendido pomeriggio Port'alghese fonda la NSD!

Lo so, non sono bravo a scrivere come lei, ma spero si capisca che tutta la NSD le vuole veramente bene e insieme a tutti gli angeli e i san..ehm...scusate mi sono lasciato prendere, dicevo che tutti insieme le facciamo i migliori auguri e per l'occasione canteremo in foggiano:
TNT GR _ T
TNT GR _ T
TNT GR FLC TNT GR _ T!!!!!!!!!!! :-)

:-* :-* :-* :-* :-* :-* :-* :-*

mercoledì 18 giugno 2008

Buon Compleanno NSD

Un anno fa ho creato ed inaugurato questo Blog,
in realtà ho solo materialmente dato vita ad un idea che vagava senza forma nella mente del Presidente e percepita come un illuminazione dalla sua "Amica" Tatuaninja.
Durante una notturna a Portalga, fatta pienamente permeati dallo spirito NSD sono stato folgorato da questo modo di vivere l'immersione ed ho voluto dare il mio contributo alla sua diffusione creando il blog e,
mi vergogno a dirlo,
con un abile manovra "politica" (un piccolo golpe) ho scippato la Vice Presidenza a Tania.

In questo anno sono cambiate tante cose, la Nsd si è unita e poi divisa materialmente e geograficamente più volte, ma il suo spirito, quello delle immersioni senza stress, per puro divertimento, con il solo fine di stare bene in un mondo parallelo al nostro ma diviso da alcuni metri di acqua ci ha sempre unito e continua a diffondersi.

Inutile ricordare che tutti i soci, come pure credo i lettori, del Blog sono accomunati dall'Amore per il Mare, che ci porta a RISPETTARLO, a temerlo a volte, ma soprattutto a voler vivergli vicino ed andarlo a trovare spesso.

insomma buon compleanno e ... buone bolle ... NSD.

e ora, un po' di storia
a cura di Tatuaninja

************** STORIA DELLA NO STRESS DIVING **************
Un anno di NSD...un anno di blog, per la verità, perché la data di nascita della NSD risale a un giorno non meglio precisato di Maggio, forse il 6. Ebbene sì, anche la NSD nasce sotto un segno di terra, come il Presidente: segni di terra innamorati del mare, cose che succedono! Nel caso in cui qualcuno volesse fare il tema natale della NSD, l'orario di nascita dovrebbe essere di quelli comodi, di certo non prima dell'ora di pranzo e di sicuro dopo che la panza di Belva era stata adeguatamente riempita da succulente libagioni, innaffiate da fiumi di nettare degli Dei.

In un momento così, infatti, Belva si disse "Ma perché quando andiamo in acqua sembriamo quasi degli incursori subacquei, incalzati dalla fretta e da un ritmo forsennato? Non potremmo prenderla con filosofia, andare negli orari più comodi, scendere senza fretta? Molto No stress...No stress diving!". Ninja era lì e dall'alto della sua inesperienza acquatica continuava a far cenno di sì con la testa a ogni parola detta dall'amico, fino a quando la vide: la NSD nasceva dalla testa di Belva, come Atena nacque dalla testa di Zeus (lo dicono anche i bluvertigo, "il mio mal di testa").

Della NSD i due continuarono a parlare nei giorni a seguire, portandola anche fuori dai confini della subacquea per farne una filosofia di vita, o una buona scusa per godersela, la vita. Poi venne la notturna del 25 maggio. Ninja e Belva, attrezzati per fare un'immersione nel pomeriggio da soli e poi la notturna con tutti gli altri, all'arrivo di Libeccio all'appuntamento si stavano ancora vestendo e preparando per fare la prima immersione! Erano stati talmente no stress da essere gli ultimi a essere pronti per la notturna, nonostante fossero da ore al mare. Libeccio rimase folgorato da questa dimostrazione di quiete interiore e volle saperne di più.

Com'è, come non è, fu così che lui divenne vice presidente della NSD e non Ninja, che pure l'aveva vista nascere: sessismo? Nessuno lo saprà mai. Per inciso, il nick Tatuaninja, quindi Ninja, nasce da un ulteriore sabotaggio di Libeccio ai danni di Tanja, il cui nome di battaglia, Tatuanja, venne storpiato sulla tessera NSD. Sabotaggio ben fatto, però!
Gli adepti non tardarano ad arrivare e dopo uno scrupoloso esame di ammissione, nel momento in cui Libeccio aprì questo blog, altre due SUBBAQQUE d'eccellenza si unirono alle fila del No stress: Picci e Frazotata.

Le quote rosa erano la maggioranza ma una nuova iniezione di testosterone giunse con l'arrivo di Pierpins a Novembre. Inizialmente dubbioso sulla corretta applicazione del codice No stress, Pierpins fu tesserato a forza per partecipare al primo viaggio della NSD: Natale a Sharm, e c'è pure il film. Famosa l'osservazione fatta dal giovane socio sul sundeck della Oman 5: "Ma come, stiamo qui e non facciamo niente adesso?". L'osservazione sollevò un coro di "Pierpi, rilassati! No stress" a cui egli ribattè con un "OK, ma stasera birre e patatine a nastro sul bordo piscina?". Con le lacrime agli occhi tutti annuirono gioiendo per la rapidità con cui la NSD aveva conquistato Pierpi, a oggi forse il socio più attivo nel diffondere il verbo.

Da allora la NSD è stata messa a dura prova, da Murphy, da circostanze difficili e da qualche brutta mareggiata, ma i soci sono ancora lì, uniti dal mare, dalla subacquea e soprattutto da una forte amicizia coltivata a terra, come in acqua, come nel mondo virtuale.
I soci si immergeranno insieme, partiranno insieme, si ascolteranno ancora e ancora, almeno per un altro anno!

lunedì 16 giugno 2008

Dalla è un cantante, non un consiglio

Parafrasando una di quelle magliette che si vedevano spesso in vendita alle fiere più alternativeggianti, tipo quella di Sinigaglia a Milano, condivido la playlist di stasera, tutta a base di Lucio D. e nient'altro. Pazientate, please, devo rilassarmi da una giornata rovinata con due parole a fine orario. 


Lo chef propone:
Treno a vela - ...quanto costa una mela? costa un sacco di botte. Se mi faccio picchiare un pochino, la darebbe al bambino?
Quale allegria - con allegria, fare finta che in fondo in tutto il mondo c'è gente con gli stessi tuoi  problemi e poi fondare un club serale per pazzi sprassolati e un poco scemi
E non andar più via - ho lasciato i pantaloni in un cortile, ho perso anche una mano in un vicolo, era un pomeriggio di Aprile, gli occhi me li ha portati via una donna grassa a furia di guardarla. 
Barcarola - su due mari e un pensiero vola lento questo veliero, su un'isola non più lontana di una malattia mi aspettano senza fretta come in un gioco, un cane e un piatto sicuro e una donna di fuoco. Ma il veliero, sempre più lento si ferma senza coraggio e senza vento e il mare diventa di sasso mentre il cane abbaia, il piatto si fredda.
L'ultima luna - la sesta luna era quella di un disgraziato che, maledetto il giorno che era nato, ma rideva sempre. La quinta luna fece paura a tutti, era la testa di un signore che con la Morte vicino giocava a biliardino.
Stella di mare - così stanco da non dormire, le due di notte e non c'è niente da fare. Come sarà la mia faccia stanca? Stella di mare, tra le lenzuola, la nostra barca non naviga vola, vola, vola. 
Milano - Milano gambe aperte, Milano che ride e si diverte. Milano a teatro un olè da torero, Milano che quando piange, piange davvero. Milano a portata di mano, ti fa una domanda in tedesco e ti risponde in siciliano. Milano, che fatica! Zucchero e catrame.
Anna e Marco - Anna bello sguardo, sguardo che ogni giorno perde qualcosa. Anna con le amiche, Anna che vorrebbe andar via. Marco grosse scarpe, poca carne, Marco cuore in allarme. Marco col branco, Marco che vorrebbe andar via. 
Tango - Hai più preso il treno? Io alle dieci avevo lezione di tango, quanta brillantina  e coraggio mi mettevo, guarda oggi come piango. Hai più preso il treno? Quella donna che tangava con furore nei locali della croce rossa; fuori era la guerra, nel suo cuore tanto tango da unire il cielo con la terra [...] poi arrivati a Torino ci siamo commossi in tanti per quel tango ballato da un bambino. 
Cosa sarà - Cosa sarà che fa crescere gli alberi, la felicità, che fa morire a vent'anni anche se vivi fino a cento? Cosa sarà a far muovere il vento, a  fermare un  poeta ubriaco, a dare la morte per un pezzo di pane o un bacio non dato?
Notte - Liscia come un mare d'olio, scura come la rosa di uno scoglio. Notte bianca come il vestito di una sposa. Dura da masticare, a pezzi tra i denti, notte da sputare. 
Mambo - datemi un coltello, un coltello per favore; dov'è quel cuore marziano, se n'è andata sbattendo la porta e avevo in mezzo la mano. 
Itaca - capitano che hai negli occhi il tuo nobile destino, pensi mai al marinaio a cui manca pane e vino? Capitano che hai trovato principesse in ogni porto, pensi mai al rematore che sua moglie crede morto? E se muori è un Re che muore, la tua casa avrà un erede, quando io non torno a casa entran dentro fame e sete.
Cara - quanti capelli che hai, non si riesce a contarli, sposta la bottiglia e lasciami guardare se di così tanti capelli ci si può fidare. 
Com'è profondo il mare - Con la forza di un ricatto l'uomo diventò qualcuno, resuscitò anche i morti, spalancò prigioni, bloccò sei treni con relativi vagoni, innalzò per un attimo il povero a un ruolo difficile da mantenere poi lo lasciò cadere a piangere e a urlare, solo in mezzo al mare.
Disperato erotico stomp - Ma l'impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale. Quindi normalmente sono uscito dopo una settimana, non era tanto freddo e normalmente ho incontrato una puttana.

Stay tuna and enjoy.

domenica 15 giugno 2008

Immersione Cala Incina questa mattina

Buongiorno carissimi colleghi..questa mattina anche se un pò mosso..il mare ci ha permesso di fare un paio di "tuffi". La prima immersione è stata abbastanza bella, abbiamo potuto ammirare nudibranchi, dattero, pelosa e spirografo. Però io ho preferito molto la seconda con lo Zio e la Zia perchè eravamo soli in mare, trasportati dalla corrente ed è stata veramente NO STRESS. Vi posto alcune foto dell'immersione e il video di qualcosa veramente carino.








Gli Zii




video

Un salutone a tutta la NSD e spero al più presto di poter fare un'immersione con la NSD al completo. Ciao ciao

giovedì 12 giugno 2008

Hotel e Ristoranti Subacquei

Ho trovato sul Web questo che quoto:

"Spuntano come funghi i progetti di turismo sottomarino e la stampa in tutto il mondo si scatena. In quattro e quattr’otto, ecco cosa sta succedendo:
Hilton alle Maldive ha aperto il primo ristorante subacqueo: si sceglie il pesce che nuota alla finestra, un cameriere esce con la fiocina e lo porta al cuoco per la grigliata. Semplice, pulito, naturale.
A Dubai invece sta nascendo
Hydropolis, con 220 suite sottomarine e un tunnel pressurizzato per i collegamenti.
Alle Bahamas il progetto
Poseidon è piu’ modesto, 50 milioni di dollari invece di 500, ma le stanze si difendono con un prezzo di circa duemila dollari a notte: la barriera corallina davanti al letto è illuminata anche di notte.
In tutto questo ben di Dio, confesso di trovare ancora attraente il fascino alla Zissou di
Jules’ Undersea Lodge a Key Largo: il primo hotel subacqueo, 200 metri quadrati ricavati da un laboratorio di ricerca dove possono abitare, non so per quante ore, circa sei persone. Niente tunnel e navette spaziali: qui in camera si entra solo con le pinne e la notte trascorsa in hotel si calcolare come tempo di immersione a tutti gli effetti."

io sono molto attratto anche se sono tutti fuori dalla mia portata (economica)
almeno per ora domani chissà

martedì 10 giugno 2008

Quello che la NSD NON è!

Sfogliavo le foto di Pierpins e mi è salito il nervoso a vedere quello che, nella famosa notturna, non ho avuto modo di osservare in prima persona.

Questo è il vero mostro da sbattere in prima pagina!



ecchecca'! vado a sbollire.

p.s. lieve e scanzonato, per mitigare il nervosismo
noterete presto una pugliesizzazione del sito Lonely Planet. A parte il mio faccione, vedrete, negli eventi di Luglio, accanto alla segnalazione di festival di tutto il mondo quella del jazz festival di Orsara/Foggia/Bovino ;-)

giovedì 5 giugno 2008

Sbatti il mostro in prima pagina

Guardate un po' chi c'è in home page Lonely Planet :-)



se avete foto adatte, a tema estivo, che cedete volentieri per aggiornare l'header del sito che mi dà la pagnotta, mandate pure.
baciii

mercoledì 4 giugno 2008

Sub in rinascita....

Jack Folla lo descriverebbe meglio credo ma...beh, in due parole, sono rinato.
A qualcuno accennavo, qualche parola sbiascicavo, qualche appiglio cercavo ma è stato un brutto periodo e molto, tanto, troppo mi mancava il mare.
Non sto lì a raccontare il perchè e per come ma lo scorso we insieme a microonde frullatore e ferro da stiro c'era con me l'attrezzatura....e ho fatto pace col mare.
Sabato mattina, sveglia molto molto comoda, indeciso sul da farsi ho preso il coraggio a due mani e mi sono lasciato andare all'invito di Stè, una delle prime amicizie subacquea, con la quale anni addietro abbiamo condiviso wurstel e vacchette in una indimenticabile settimana con lega ambiente.
Stè o Fefy o Atom :-) e Massi o Massi o Massi (lo conosco da troppo poco per dargli altri nomi!) sono i due meravigliosi ragazzi del diving Dive'n sail
Massi è l'istruttore: non c'è tanto da raccontare, è un maestro, basta questo.
Stè e la Divemaster (aspetta Stè poi parlo del tuo corso) e oltre a regolare le sveglie agli orari più strane conosce a memoria la storia dei punti di immersione! E' un piacere sentirla raccontare della secca dello Sheraton, della cigliata del Jolly Hotel e della Punta Hilton! :-) (A tempo perso fa anche corsi di origami...famosissimo il riccio creato con la stessa tecnica)
Ma quel che è più bello è quello che hanno creato, un posto dove VIVERE il mare con quella dose di semplicità, simpatia e rispetto che gli è dovuta.
Non parlo delle immersioni e delle mie sensazioni che nn riesco ancora a tirar fuori, ma sono stato bene e abbraccio tutti quelli che hanno condiviso con me queste giornate: Angelo (Melenso e geloso del mio rapporto con altri sub :-) ) Alessandro (mitico cuoco) Lory del Santo :-) e le sorelline e tutti tutti tutti che son stati davvero tanti!
E grazie anche a "N' Disastr" il mitico gommone!

E a pensarci Dive 'N Sail ha le stesse iniziali della NSD...e credetemi...la NSD era tutta con me e non sapete quanto mi è mancata!!!

Besos a tutti

Zio checco del mare

P.s.= ho una connessione a tempo dall'hotel...50 m 10 euri, vaffxxxxx quindi non rileggo scusate tuttti gli errori, i refusi e i pensieri sconclusionati!!!

P.P.S.= per problemi di lavoro mi salta l'Ungheria...che si fa nel week end?

Aribesos

Diving, non diving

Ci sono voluti un po' di tentativi ma alla fine chi la dura la vince, nonostante le alluvioni, le isondazioni, le tariffe impazzite, i treni sempre pieni e pure gli erogatori traditori :-(
E quella che è sembrata la beffarda stilettata di un Murphy fin troppo audace è diventata invece la "dive non dive" più importante di tutte.

Anche se certe cose ci sono state insegnate e ripetute a non finire (e secondo me ce le ripetiamo da soli pure nel sonno) venerdì sera abbiamo avuto la riprova di quanto siano fondamentali e di quanto dovremmo perseguirle a costo di sembrare pedanti (per Dommi: pedante è chi fa un po' il maestrino della situazione, uno un po' pignolo e presuntuoso che critica gli altri e sembra sappia tutto lui).
Abbiamo sbagliato a non farlo ma secondo me non sbaglieremo più tanto facilmente.

Non servivano altre prove ed è ormai assodato che abbiamo avuto un grande privilegio ad aver avuto Corrado come maestro; vedere come gli altri si comportano in mare, senza vergogna, mi e ci sconcerta ogni volta. L'indifferenza ai nostri commenti piccati poi...bah.
Comunque quel che volevo dire è che quello che ci è stato insegnato sta diventando quello che siamo. E impariamo ancora e ancora, senza tregua e tra noi c'è questa forte intesa anche per questa ragione.

Per esempio, questo weekend abbiamo imparato che:
- non bisogna regalare computer alla zia perché poi si lancia nelle tecniche lasciando a secco la bombola dello zio (che si rifiuta pure di prendere la fonte d'aria alternativa)
- bisogna togliere dalle mani di Alessia la macchina fotografica quando è in acqua, ma soprattutto va tolta dalle mani dello zio altrimenti si pallona tutti per mettersi in posa canguro ;-)
- il maestro ha sempre ragione e bisogna comprare le pinne che dice lui
- lo zio e ninja possono essere buoni buddy in acqua ma non nelle faccende domestiche
- Pierpi è e sarà sempre un libero, tranne quando fa la notturna :-)
- stare a mollo sotto le stelle cantando e straparlando, facendo il faro e gridando (senza ricordare nulla il mattino dopo) è un ottimo modo per fare una notturna
- immergersi con i soci non ha prezzo e per tutto il resto c'è mastercard

Concludo con un pensiero serio e poi mi rimetto a cazzeggiare. Lo sapete che mi sento un po' half diver pure io, per cui non mi sono resa conto subito di quello che ha detto Ale lunedì, a proposito del suo rientro in acqua dopo la "narcosi" a nove metri che abbiamo condiviso.

Mi hai detto che ti sei goduta l'immersione e te la sei scialata facendoti allegramente i cavoli tuoi e stando bene in acqua perché eravamo solo noi NSD e tu non dovevi stare in ansia e preoccuparti della tua buddy, ninja la tatua-cernia. Tesoro, ti bacerei in bocca per quello che hai detto ma poi saremmo lesbo lesbo e non più lesbo diver :-)

e ora, l'OK a due mani dopo la "notturna" ;-)



la prima dive di Dommi (sono artista, lo so, lo so)




e il gruppicciolo monco a Porto Badisco.


Saluto al mare...


(sospiro)
Baci ninjosi, col torcicollo

P.S.
ho creato un account flickr della NSD, nel caso volessimo aprire una gallery.

martedì 3 giugno 2008

Un grazie tutto al femminile

Un ringraziamento speciale a tutta la NSD per avermi sopportato e fatto trascorrere un we denso di emozioni




Un bacio grande lo merita il piccolo Dommi...per nn averci fatto annoiare neanche un momento!!!





Un abbraccio a Zia, che ha dovuto fare un'immersione di soli 40 minuti e a quota 19 metri, nn per colpa sua... :-P !!!! Tanto rilassata da avermi mandato male dopo averle mostrato (sottoacqua) le foto del mio we!!!



Beh che dire, un ringrazimento particolare alla mia amica lesbodive Ninja, per essermi stata vicina fuori e dentro l'acqua...con la quale ho fatto un'immersione notturna da PAURA, durante la quale abbiamo provato, in contemporanea, la famosa "narcosi dei 9 metri", con tanto di canto e gioco del faro in supercie, sotto un cielo stellatissimo....


un bacio ed un abbraccio, cmq, a tutti i maschietti della NSD.


alla faccia di Murphy

STAGIONE APERTA
nel W.E. la NSD è tornata in attività, anche se non al completo:
venerdi immersione notturna a cala paura,
sabato immersione pomeridiana a Portalga e
domenica immersione a Porto Badisco.






a presto