Blog nato per condividere pensieri e foto sulla subacquea NO STRESS





giovedì 19 novembre 2009

Gossip

Penserete che sono impazzito?!
ma leggete c'è sempre un perché

KITTY, NIPOTINA DI LADY D
AL BALLO DELLE DEBUTTANTI


KITTY SPENCER, NIPOTINA DI LADY DIANA


Con una zia così ingombrante per ciò che ha rappresentato per la famiglia reale inglese, non sarà facile per Kitty Spencer, nipote di Lady Diana, figlia del fratello della principessa, Charles. Kitty sarà la superstar del ballo Crillon delle debuttanti, a Parigi, proprio nella città in cui perse tragicamente la vita sua zia Diana. Quel giorno Kitty aveva solo sette anni, ora ne ha 19 e a Lady D la lega una incredibile somiglianza. "Sono cresciuta in Sudafrica, studio ancora a Cape Town", ha detto, in un'intervista pubblicata dal settimanale Diva e Donna. Nel tempo libero Kitty ama leggere e fare cage-diving. Al ballo, la bella 19enne si presenterà vestita dallo stilista preferito di Lady Diana, Bruce Oldfield.

Può essere che un giorno di questi la troviamo in qualche gruppo a cala Incina?

Fonte www.leggonline.it

giovedì 15 ottobre 2009

Novità: una pillola per i subacquei?

Prof. Costantino Balestra,
vicepresidente Ricerca ed
Educazione - DAN Europe

L’immersione è un’attività stressante, anche per il più rilassato dei subacquei. Ma cosa significa la parola "stressato"? Il termine stress fu usato per la prima volta nel 1936 dal fisiologo canadese Hans Selye per descrivere la reazione di un organismo in risposta ad una situazione che richiedeva un’azione rapida e non la costrizione o la tensione nervosa provata.

Di fronte ad un evento stressante, il nucleo periventricolare dell’ipotalamo – un centro cerebrale nell’area encefalica – allerta altri sistemi nel cervello e il sistema nervoso in generale, come il sistema ortosimpatico. Questi reagiscono rilasciando una grande quantità di catecolamine (cioè adrenalina e noradrenalina). Uno degli eventi più importanti è la stimolazione della midollare dei surreni che rilascia adrenalina nel circolo.
Dopamina, adrenalina e noradrenalina provocano una serie di risposte fisiologiche: accelerazione del battito cardiaco, aumento del flusso sanguigno, vasocostrizione delle arterie con conseguente aumento della pressione arteriosa. L’adrenalina induce il fegato a rilasciare zuccheri e acidi grassi che favoriscono la produzione di trigliceridi ( grassi di riserva ). Questa catena di eventi prepara il soggetto a reagire mentre assicura riserve energetiche sufficienti per affrontare condizioni di stress. Inoltre l’ipotalamo inizia a secernere corticotropina ( ACTH o ormone adrenocorticotropo ) che stimola la corteccia surrenale alla produzione di cortisone per lungo tempo. Questa sostanza ristabilisce le riserve di glicogeno nel fegato.
Questi eventi catabolici provocano inoltre un aumento dei prodotti di scarto derivanti dal processo di produzione dell’energia; tra essi urea e acido urico derivanti dal metabolismo delle proteine.
Il meccanismo fu spiegato più di sessanta anni fa, tuttavia l’intero fenomeno e gli effetti a lungo termine, oggi noti, erano allora sconosciuti.
  1. Regolato da un’ASSE ?
  2. Lo stress è effettivamente controllato dall’asse surrenale ipotalamo pituitaria ma, contrariamente a quanto si pensava al tempo della scoperta del fenomeno, l’organismo non si riprende immediatamente dopo la cessazione dello stimolo stressante.
    Sottoposto a questo stimolo, l’organismo soffre per un danno cellulare che deve essere riparato.
    Le sostanze identificate come indicatori di questa ricostruzione sono le proteine dello stress e principalmente quelle che furono scoperte nel corso di shock termali. Sono chiamate HSP ( Heat Shock Proteins ).
    Il loro ruolo è identificato nella struttura delle proteine danneggiate; una proteina può essere descritta come una lunga catena di aminoacidi attorcigliata secondo vari assi. A seconda del numero di assi, la struttura proteica può essere primaria, secondaria, terziaria o quaternaria.
    Le proteine HPS controllano "l’avvolgimento" delle proteine che devono ricostruire; si tratta di un passaggio essenziale per ristabilire l’integrità cellulare e metabolica. Per capire l’importanza del corretto avvolgimento di una proteina dobbiamo pensare al pericolo dei "prioni", che possono formarsi da proteine mal "piegate" e che sono letali.
  3. Combattere lo stress?
Nella nostra vita incontriamo situazioni stressanti quotidianamente, seguite da un flusso ininterrotto di ormoni di emergenza che porta ad un aumento cronico della pressione arteriosa, grassi nella circolazione sanguigna, colesterolo, acido urico e moltissima urea. Questo a sua volta è causa di un cambiamento nei livelli di aminoacidi e di una continua produzione di corticoidi
( cortisolo e cortisone ) che indebolisce il sistema immunitario. Le conseguenze sono una maggior frequenza, tra coloro che soffrono per lo stress, di problemi cardiovascolari, ulcere, depressione e probabilmente anche di certe forme di tumori.
Queste scoperte hanno indotto gli scienziati a pensare alla stimolazione delle proteine dello stress per proteggere l’organismo. Questa tendenza è oggi evidente in cosmetologia, dietetica, medicina generale, ecc. Hanno oggi una grande diffusione sostanze antiossidanti ( carotene, selenio, vitamina E, C…) come pure certi prodotti contenenti DEHA ( diidro-epi-androsterone ), che sono sintetizzate in grande quantità durante una lunga esposizione a fototerapia, melatonina e così via.
Chi ha un background in biochimica noterà che questi prodotti agiscono sul sistema enzimatico.
  1. Nuove scoperte nella lotta contro lo stress.
E’ stato lanciato sul mercato un nuovo prodotto che agisce direttamente sulla produzione di proteine HPS e va sotto il nome enigmatico di Tex-OE. La formazione di bolle durante la fase di risalita di ogni immersione con autorespiratore induce stress per l’organismo, compresa l’abrasione delle pareti capillari causata dal passaggio delle bolle nei vasi. Il Tex-OE è un estratto vegetale attivo a dosi molto piccole: 3mg per Kg di peso corporeo sono sufficienti per indurre la rapida produzione di HPS.
Per provarlo un gruppo di ricercatori diretti dal Dott. Cali Corleo dell’Università di Malta sta sperimentando il suo effetto su un gruppo di subacquei.
Dodici sub di età compresa tra 25 e 50 anni sono stati controllati dopo che avevano assunto il farmaco prima dell’immersione. Poi sono stati fatti esami del sangue sullo stesso gruppo per la stessa immersione senza Tex-OE.
I risultati suggeriscono applicazioni interessanti: una differenza significativa nei livelli sanguigni di HPS compare nella prima ora dopo l’immersione. Le proteine dello stress non vengono rilasciate in grande quantità fino a due ore dopo l’attacco nei confronti dell’organismo.
Questa è una scoperta nuova e interessante, ma io penso che fino alla comparsa dei risultati preliminari e alla comunicazione al congresso EUBS ( Società Europea di Medicina Subacquea e Iperbarica ), la sicurezza in immersione mantiene le sue regole precedenti e l’immersione "intelligente" non è radicalmente cambiata.



Dal sito della DAN https://www.daneurope.org/italiano_.htm

molto interessante la definizione di stress dal punto di vista medico

martedì 6 ottobre 2009

Il governo delle Maldive si riunisce sott'acqua

Per denunciare il riscaldamento climatico e il rischio che corre l'arcipelago















Mute da sub, pinne e bombole obbligatori per i 14 ministri del governo delle Maldive che il prossimo 24 ottobre, su iniziativa del presidente Mohamed Nasheed, dovranno partecipare a una riunione di gabinetto subacquea.
Scopo dell’inizativa è denunciare il riscaldamento climatico globale che rischia in pochi anni di far scomparire l’arcipelago dell’Oceano Indiano .Le Maldive, infatti, potrebbero essere uno dei primi Stati a subire gli effetti dell’innalzamento dei mari, come sottolinea oggi il quotidiano australiano ’Sidney Morning Herald’. I 14 ministri, alcuni dei quali riceveranno lezioni di immersione per partecipare alla riunione, comunicheranno attraverso delle lavagnette apposite o con gesti. Al termine del vertice di gabinetto sarà approvato un comunicato che Nasheed porterà a Copenaghen in occasione del vertice sul clima organizzato dalle Nazioni Unite dal 7 al 18 dicembre.
"Ci appelliamo agli Stati di tutto il mondo, grandi o piccoli, ricchi o poveri, alti o bassi (rispetto al livello del mare), perchè si uniscano e riducano le emissioni di carbone e le particelle di carbonio nell’atmosfera", recita il comunicato Le Maldive, infatti, sono un complesso di 1.192 atolli che si trovano in media a 1,5 metri sopra il livello del mare, numeri che valgono all’arcipelago il poco invidiabile record di Nazione più ’bassà del mondo: il punto più alto è a 2.3 metri, mentre la gran parte degli atolli sono sotto il metro. Entro il 2100 il Paese potrebbe scomparire a causa dell’innalzamento del livello del mare.



Fonte www.lastampa.it

mercoledì 9 settembre 2009

venerdì 28 agosto 2009

Cala Incina by night

Ciao ragazzi, rieccoci nuovamente a parlarvi di un nuovo stupendo tuffo..questa volta però come sito da esplorare abbiamo optato per la già conosciuta Cala Incina...ma a fare la differenza è l'aggettivo: by night :-D

Ieri pomeriggio, programmata la notturna con Fabio che oramai non lo si riesce a fermare più e Biagio di ritorno dalle vacanze ed in estrema astinenza di azoto, ci troviamo alle 20:00 e decidiamo di optare per Cala Incina by night, sia per cambiare dai soliti siti di notturna esplorati di recente ed anche perchè sarebbe stata la prima notturna a Cala Incina sia per me che per Biagio.

Arrivati sul luogo, vediamo le condizioni del mare e dei pescatori del luogo e sembrava tutto aspettare solo noi :-D

Vestiti, preparati e via per questo splendido tuffo tutto da scoprire.

Per essere la prima volta, mi sembrava molto strana Cala Incina di notta, sopratutto vedere la statua della Madoninna di notte è stavo veramente bello.

Prima di raggiungere la grotta con la Madoninna abbiamo trovato qualche polipetto qua e la, gamberetti meccanici negli anfratti della parete, trigliette ed altri pesci sul sabbione e sorpresone della serata ma sopratutto di Cala Incina, Biagio ci fa vedere una bel astice che purtroppo è scappato subito non permettendomi di scattare, però rimane comunque una gran bella sorpresa :-D

Poi abbiamo raggiunto la grotta con la Madoninna e lì Fabio ci ha fatto fare un gran bel giro, davvero emozionante, nella Grotta Passante e nelle Grotta delle Magnose. Di notte hanno tutto un altro aspetto ed emozioni.

Ritornati a recuperare il pallone fuori la grotta, eravamo vicino i 100bar ed abbiamo deciso di cominciare il ritorno sempre molto bello ed emozionante sia sulla parete che sul sabbione.

A farci compagnia molti polpi, seppie, tordi, trigliette, gamberetti meccanici, un paguro bernarnado, vari saraghi, ed alla fine una bella pelosa.

Rientrati dopo 77 minuti di immersione abbiamo trovato i pescatori che ci hanno "squadrati", increduli che non avevamo pescato niente ahhaha ahahah

Riposta l'attrezzatura e sistemato tutto, pizza e birra a Torre a Mare per poi poter rientrare ognuno alla propria dimora e riposare, pronto per un nuova avventura :-D

Ci tengo a specificare che Cala Incina by night è stata veramente una gran bella sorpresa ed oltretutto questo dimostra che non è seconda a nessun altro sito di immersione ;-)

Come al solito vi lascio qualche foto e vi saluto..al prossimo tuffo






Grazie a tutti

Pierpaolo

varie ed eventuali.

Oggi è un bel giorno per la NSD, poco fa il C.D.A. al completo si è riunito per un caffè, cosa che per varie vicissitudini non avveniva ormai da tempo.

Gli argomenti all'ordine del giorno sono stati: viaggi, vela, apnea, subacquea, varie ed eventuali.
Per farla breve si è parlato del Mare, quello con la M maiuscola, quello che ti rigenera interiormente e ti fa dimenticare tutte le batoste che la vita ti riserva.

E' condiviso da tutto il cda il desiderio di cambiare vita, di voler vivere a contatto con quel Mare tanto adorato, la cui mancanza incupisce e il cui solo contatto riempie nello stesso modo in cui l'acqua riempie un contenitore vuoto.

Da diverso tempo sto coccolando un sogno, quello di poter realizzare un progetto lavorativo con la NSD al completo, e perché no anche altri amici, un progetto lavorativo a contatto con il mare, con la gente, con quelle attività che veramente mi soddisfano e mi fanno sentire appagato.
Oggi questo sogno mi è sembrato un po meno utopia.

Scusatemi per le divagazioni.

Un saluto a tutti


ps. Pierpins attendiamo le foto ed i commenti delle delle scorse notturne a Portalga e Cala Incina.

lunedì 24 agosto 2009

Porto Badisco

Ciao ragazzi..come procedono le vostre vacanze?? o per chi il rientro a lavoro?? in entrambi i casi spero bene :-D

Ieri io e Fabio, ci siamo sacrificati nel raggiungere Porto Badisco per sistemare una questione "urgente" di Fabio. In tutto questo sono stato costretto ad accompagnare Fabio nell'impresa, e come se non bastasse anche a fargli da buddy in 2 splendide immersioni :-P

La prima immersione è stata mattutina in cui abbiamo esplorato la parete destra e tra le sorprese riservateci abbiamo ammirato una bella sogliola, 2 bei cerniotti, vari vermocani, saraghi, un paguro bernardo, vacchette di mare (discodoris atromaculata) ed infine da me ricercatissimo un bel esemplare di Hypselodoris picta :-D

Dopo il rientro, ovviamente, una bella birretta fresca e un paio di paninazzi in attesa di ricaricare le bombole per il secondo tuffo.

Caricate torniamo a Porto Badisco per la nostra seconda immersione pomeridiana, questa volta all'espolorazione della parete sinistra.

Anche questa una bella e splendida immersione in cui ci hanno fatto compagnia due simpatiche sogliole, una seppia, vari saraghi tra cui uno abbastanza grosso, una bella murena che però si è intanata subito non permettendomi alcun scatto, ed infine un consistente banco di sardine :-D

Dopo la seconda dive, e prima del rientro non poteva mancare che una bella birretta fresca e un trancio di pizza per poter tirare dritto sino a casa.

Questo è il racconto di una bella domenica passata in ottima compagnia tra un tuffo e l'altro :-D

Dopo le mie povere parole..vi lascio a qualche immagine.











Grazie

Un salutone a tutti :-D

Pierpaolo

giovedì 23 luglio 2009

Immersionenotturna a Cala Portalga - 22-07-09

Ciao ragazzi..come va?? oggi scrivo un post raccontandovi l'immersione notturna di ieri sera a Cala Portalga in compagnia di Fabio e Luca.

Quella di ieri è stata, almeno per me, una notturna particolare poichè era il mio primo "tuffo" di notte a Portalga e devo dire che, nonostante l'abbia esplorata molte volte di giorno..., di notte non è la stessa cosa..anzi..

Nel pomeriggio tardi di ieri sera, con Fabio e Luca abbiamo confermato un bel tuffo in notturna decidendo di provare le emozioni di Portalga by night :-P

Arrivati sul posto, preparato tutto, ci siamo tuffati in acqua..una calda ma calda acqua ahahah..per poi ascoltare il briefing di Fabio (questo l'ho scritto per il Maestro hihihi) ed iniziare il divertimento ;-D

Iniziato il nostro tuffo, ci siamo mantenuti sulla parete sinistra, sia perchè era la zona che conoscevamo meglio, ed anche perchè nella parte destra i pescatori avevano buttato le reti..
è stata molto divertente, ricca di soprese..ma devo dire anche molto impegnativa..forse perchè ero abituato a Cala Paura? ahahah

Durante il nostro "giro" abbiamo potuto vedere un paio di Paguri Bernardi, Polpi che non volevano saltare nelle nostre tasche del GAV -,- (ahahha ahahha), poi proseguendo abbiamo trovato le axinelle, scorfani, molti saraghi che gironzolavano qua e la, Gamberetti meccanici nei vari grottini, e continuando abbiamo incontrato un bel gronco fuori tana, un grosso e bel (immagino anche molto buono :-P) dentice, e vicino il grottino un gruppetto di inaspettate corvine.

Dopo quasi 90 minuti di immersione con una massima di 21.6 metri..possiamo ritenerci abbastanza soddisfatti :-P ma sopratutto per il post notturna a Torre a Mare con l'inevitabile: Birre e patatine a nastr!!!

Ora vi lascio con qualche mio scatto..ovviamente :-D e vi saluto tutti..








Ovviamente le altre foto di ieri sera le trovate nelle sezione Portfolio sul mio sito!

Un saluto ed un abbraccio a tutti..alla prossima ;-D

Pierpaolo

martedì 14 luglio 2009

Prato Perillo




Settimana VerdeAzzurra a cura di Riccardo Carusi (Ric) e Corrado Iacobellis (Il Marchese) Il programma coniuga attività "VERDI" (speleologia, rafting, escursionismo a piedi, canoa fluviale, torrentismo) con attività "AZZURRE" (immersioni e corsi subacquei nel mare del golfo di Policastro) il tutto condito con ottimo cibo e vino locale in un ambiente che definire informale è un eufemismo. (per informazioni Corrado 328.47.93.025)

sabato 11 luglio 2009

Cala Paura - Polignano - Notturna - 08-07-09

Buongiorno a tutti ragazzi..come va??
anche se in ritardo ho voluto pubblicare anche qui le sorprese che il mare ci ha riservato mercoledì scorso in una tranquilla ma ricca ed emozionante immersione notturna a Cala Paura (Polignano).
Ad immergerci eravamo Io, Sirio a cui abbiamo affidato il pallone, ovviamente, zavorrato (hehehehe) Fabio e Antonella.

Immersi abbiamo fatto un gran bel giro, il grottino all'inizio prima del sabbione ci ha mostrato un bel esemplare di astice, seppur piccolo, ma sempre stupendo; c'erano in abbondanza polpi, scorfani e triglie; una bella sorpresa è stata un banco di saraghi che gironzolavano liberi e tranquilli ed anche una musdea che son riusciuto a fotografare (o meglio non l'avevo mai visto sto pesce e fotografandolo ho scoperto che si chiama musdea perciò ci tengo a precisarlo hihihi ). Nelle piccole tane e grottini c'erano gamberetti meccanici e piccoli gamberettini che però non son riusciuto a fotografare.

Dopo circa 58 minuti di immersione siamo usciti, ma dopo questo giretto io e Fabio "siamo stati costretti a sacrificarci" nel dover affrontare un'altro giro con Gaetano, che dopo tanta fatica siamo riusciti a farlo scendere quella sera, e ci siamo fatti un piccolo giretto alla parete sinistra della cala. Devo dire che ci ha riservato gran belle sorpresa, era la prima volta che ci andavo ed è apparsa veramente carina. Anche qui ho fatto qualche scatto ma ovviamente la poca riserva di aria, il poco tempo di immersione ed altri fattori non mi hanno permesso di "scatenarmi" come nella prima immersione :-P

Tralasciando le mie parole..ora vi lascio qualche scatto..sarà ogni singola foto a dire la sua ;-)












Ovviamente se volete vedere anche gli altri miei scatti della notturna di mercoledì sera li potete trovare sul mio sito nella sezione portfolio ;-)

Sono ben accetti consigli e critiche.

Saluti a tutti

Pierpaolo

giovedì 2 luglio 2009

AAAAAAAHHHHHH l'hanno fatta non si puo più stare tranquilli nemmeno sottacqua!!!!




Se pensate che iDive300 di H2O Audio sia la solita custodia impermeabile per iPod ed iPhone guardate queste immagini.

Si tratta di una vera e propria custodia subacquea in grado di resistere fino a 90 metri di profondità dotata di apposite cuffie amplificate che possono essere fissate sul laccetto della maschera o sotto la cuffia. Un microprocessore comandato da appositi tasti permette di pilotare la click wheel ed il touch screen degli iPod.

Pensata per accompagnare i sub nelle immersioni con un sottofondo musicale o per farli rilassare nella fase di decompressione guardando un film, può essere anche l’ideale complemento di chi teme che il proprio iPhone non sia resistente all’acqua.

In vendita direttamente da h2oaudio a 349.99 $, circa 250 €.

MENO MALE CHE LE TELEFONATE NON ARRIVANO!!!!

Fonte www.gadgetblog.it

sabato 20 giugno 2009

Foto e altro

Ciao ragazzi, scrivo per dirvi due cose:

- agli interessati a vedere le foto di ieri sera della notturna potrete trovarle all'indirizzo http://www.pierpins.altervista.org/ sezione portfolio :D

-ed inoltre volevo dirvi di farvi un giretto nel mio "piccolo lavoro html all'indirizzo sovrastante"; sono ben accetti critiche e consigli ;-D

saluti a tutti

martedì 16 giugno 2009

Il rock è un godo!

Ecco cosa ho fatto domenica sera: sono stata al Rock in Idro a Milano (che poi non han più fatto all'Idroscalo ma al Palacicorie - al secolo PalaSharp).

Le birrette arrivavano a getto continuo e ho anche saltato almeno un paio di giri, ma ci stavano tutte e non mi hanno impedito di fare una levataccia per venire lunedì mattina al lavoro qui a Torino.

Ho visto per la prima volta i Limp Bizkit e mi sono molto divertita! Hanno anche fatto la mitica cover di Faith, di George Michael. Mi dicono che sono gusti da femmina, mah!


video

Ma i più attesi erano ovviamente i Faith No More che hanno regalato un concerto da urlo in occasione della loro Reunion a 10 anni dallo scioglimento del gruppo. Le più belle le hanno fatte tutte, inclusa la cover di Easy. Ma soprattutto a sorpresa hanno fatto alla fine di tutto We care a lot e non ci speravo perché nella data di Londra l'avevano clamorosamente saltata.


video

Serata caldissima (per quello ho dovuto bere tanto!), palazzetto stracolmo con tutti gli annessi e connessi immancabili in queste occasioni. Hey, I started a joke!


videoCentra

E alla fine di tutto, e durante soprattutto, mi sentivo easy like sunday morning, o in un'immersione


video

Ah, il Rock è davvero un godo!

lunedì 15 giugno 2009

SCUBAPRO DAY

27 - 28 Giugno 2009 - SCUBAPRO DAY

Il 27 e 28 Giugno Diving Service ospiterà presso lo stabilimento Lido Venere di Pescoluse (Salve) lo SCUBAPRO DAY, una manifestazione itinerante dedicata alla scoperta delle nuove attrezzature subacquee Scubapro.

Tutti i partecipanti avranno la possibilità di provare gratuitamente il meglio delle attrezzature Scubapro in commercio effettuando delle splendide immersioni nei nostri mari a un prezzo agevolato per la durata della manifestazione.

Inoltre avrete l'occasione di assistere alla presentazione dei nuovi prodotti o chiedere informazioni dettagliate sul funzionamento e i vantaggi di ogni singola parte dell'attrezzatura.

Fonte Diving Service

giovedì 11 giugno 2009

Gli squali salvati dall'Alba

Scusate il giochino di parole ma pare che Jessica Alba sia una molto attiva sostenitrice della difesa degli squali, in particolare del grande squalo bianco.
Per la gioia, dunque, degli squali (anche quelli ... ehm... figurati) ecco alcune immagini dalla Gallery di Repubblica che mostrano Jessica all'opera in una campagna di guerrilla marketing a Oklahoma City.

Scherzi a parte, è interessante vedere che sta aumentando l'interesse hollywoodiano verso la salvaguardia dell'ambiente marino, visto che in genere questo tipo di campagne sono il preludio a una maggior consapevolezza nazional-popolare.


Quanto all'attrice, pare che il suo interesse verso gli squali sia nato durante le riprese del film "Into the blue": dall'esserne terrorizzata è passata a tutt'altro sentimento verso questi animali.

Piccola nota a margine
Scrivo qui per la prima volta dopo tanto tempo: stavo per mandarvi una email con la notizia ma poi questo m'è parso il modo più efficace per far girare. E' srano, ma piacevole
Baci

domenica 7 giugno 2009

Scoglio dell'Eremita - Polignano

Salve ragazzi, questa mattina con il gommone siamo andati a fare una visita allo scoglio dell'Eremita partendo da Cala Portalga. Nonostante ci fossero forti correnti sottomarine e mare mosso, è stata una bella immersione. Scrivo qui non per stuzzicare l'invidia di chi è restato a casa, ma per mostrarvi alcuni miei scatti; in primis un bellissimo nudibranco trovato:



Dopo una lunga ed attenta ricerca su internet mi chiedevo se questo nudibranco fosse il "Dondice banyulensis Portmann & Sandmeier, 1960" ???

Inoltre volevo farvi vedere questa apparente "rosa" che ho fotografato; qualcuno saprebbe dirmi qualcosa a riguardo??

E per concludere vi allego anche la foto di una bella cicala ed una flabellina (un pò sfuocata...maledetta corrente) che abbiam trovato durante l'immersione.




La qualità delle foto, ovviamente, non dipende dal fotografo ma dalla forte corrente che muoveva sia me che il soggetto.

Ringrazio per le risposte che spero di ricevere e colgo l'occasione per salutare tutti; spero in una prossima e vicina immersione con l'NSD al completo :-D per vivere al meglio una dive tutta NSD ;-)

Ciao ciao

Pierpaolo

giovedì 4 giugno 2009

Ponte del 2 giugno Scario

E' stato un w.e. davvero bello nonostante il tempo.

per le foto cliccate qui

mercoledì 27 maggio 2009

Ponte del 2 giugno Scario

Parco del Cilento, località Scario.
Sistemazioni in appartamenti da 4/6 posti al costo di 60/70 euro per app.to
2 Immersioni al giorno.; Ricariche e Corsi Nitrox; Corsi di specialità (Notturna, Deep, Cavern e tante altre ancora)

Voglia di divertirsi obbligatoria!!!!!!!

Contattaci,
ci sono ancora dei posti liberi!

info Tel.: 080 5433205
cell.: 3284793025
Corrado Iacobellis

lunedì 25 maggio 2009

martedì 7 aprile 2009

Malta paradiso per le immersioni secondo Diver Magazine

Malta ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di terza miglior destinazione diving al mondo dai 35.000 lettori del Diver Magazine, rivista specializzata in sport acquatici del nord America. Nella classifica stilata, Malta è stata preceduta soltanto dall’Egitto e dalle Maldive.

Fonte WWW.ilturista.info

giovedì 2 aprile 2009

nemo 33

Dedicato a Picci

mercoledì 25 marzo 2009

In attesa di poter andare al mare!

giovedì 5 marzo 2009

Dalla subacquea all'apnea

dedicato a ninja

tutto comincia con la decisione di Picci di prendere un poster di un noto apneista...
poi i due membri più attivi della Nsd accerchiano la preda e approfittano di Lui...per una foto ricordo!
Picci, Umbi e Azotata (ancora incredula)
la caccia continua e dopo 24 dalla dedica a picci di mares..."le solite due note" accerchiano anche lui (due sono meglio di uno, anche se ognuna ha le sue preferenze)
Azotata, Gianlu e Picci (cambiando l'ordine degli addendi il risultato nn cambia!!!!!)


dopo 2 bei pesci come Umbi e Gianlu, alle rappresentanti della NSD all'Eudi, tocca la foto ricordo con il Presidente, geloso della fisicità dei due sportivi
(semplice da notare, basta affiancare le foto)

Picci, Defi, Dady e Azotata
(P.s. Geloso di due apneisti come loro, il presidente ci ha costrette a posare con lui)



cammina cammina su e giù per la fiera (tutto per recuperare delle bellissime sacche stagne rosse), pensiamo a.....

AZOTATA FOR PRESIDENT



...scende il buio e la fame si fa sentire...un pò come il vino ed il tartufo...


vedi la faccia di qualcuna.... :-) ;-P

e
gli sguardi attenti di alcuni membri...

intorno ad una tavola rotonda dove ognuno pensa...a qualcosa! forse il prox viaggio, forse alle borse tante desiderate e nn trovate, forse ai gadgets esposti e nn vendibili....


dopo tutti a nanna, chi in un vero letto, chi in un cerchio di cemento, chi con le russe, chi dopo ore...cmq tutti pronti ad affrontare una nuova avventura fieristica


il giorno seguente,
dopo giri e giri e giri, finalmente Libeccio seglie l'imbarcazione più adatta per le immersioni, datata di cabina, ben 4 motiri da 300 hp e 3 monitor, di cui uno collegato 24h a facebook per gli aggiornamenti in realtime



continua....



giovedì 5 febbraio 2009

L'uomo e il mare


Uomo libero, sempre tu amerai il mare! Il mare è il tuo specchio;
tu miri, nello svolgersi infinito delle sue onde, la tua anima.
Il tuo spirito non è abisso meno amaro.
Ti compiaci a tuffarti entro la tua propria immagine; tu l'abbracci con gli occhi e con le braccia,
e il tuo cuore si distrae alle volte dal suo battito al rumore di questo lamento indomabile e selvaggio.
Siete entrambi a un tempo tenebrosi e discreti: uomo, nessuno ha mai misurato la profondità dei tuoi abissi; mare, nessuno conosce le tue ricchezze segrete, tanto siete gelosi di conservare il vostro mistero.
E tuttavia sono innumerevoli secoli che vi combattete senza pietà né rimorsi, talmente amate la carneficina e la morte, eterni lottatori, fratelli

sabato 24 gennaio 2009

Scusi, per Damasco?

è qualche giorno che la tiro in lungo con questa storia della attesa e sperata folgorazione sulla via di Damasco e oggi scopro che proprio domani ricorre la folgorazione barra conversione di San Paolo. Che bel caso, mi sono detta. E siccome ho tante cose che mi frullano per la testa e che non riesco a raccontare facilmente ho pensato, per una volta ancora, di appropriarmi di questo spazio che è stato di tutti. 

Prima delle cose serie Damasco però mi fa venire in mente questo...
estate 1999. Sami, siriano nato e cresciuto a Roma ma residente a Miami, è atteso a un raduno di chatters italioti che bivaccano in un vecchio rifugio partigiano nell'appenino tosco emiliano. Già ubriachi e ancora affamati ciarlano e bofonchiano qualsiasi cosa.
"come diciiii?" "ma Sami arriva dalla Siria, che si sa? viene qui da noi?" "eeeeh? vuoi salame?" "ma nooo! Sami! dov'è Sami?" "ah, Salame piccante?" "sì, Sami. Dov'è Sami?" "Dov'è Sami piccante? a Tabasco" e giù tuti a ridere

Ok, è una minchiata ma anche se non ricorderò mai l'esatta sequenza, questo improbabile dialogo m'è rimasto in testa e mi diverte perché fa un po' a pugni con questa faccenda semiseria delle folgorazioni. Ma non divago ulterioriormente. 
Ahivoi, purtroppo vi è noto: mi avete incontrata in un momento in cui la vita m'era sfuggita di mano e ce ne sono stati di peggiori dopo quello e sono certa che ne vedrò ancora di peggio.
Mentre vi scrivo siedo col mio gatto in affidamento congiunto, sul divano che megli ultimi due anni è stato sede delle peggiori folgorazioni. Ma il punto non è questo.
E' vero, solo due anni fa qui ero pronta a metter su famiglia; un anno fa ero pronta a raccogliere la sfida di affrontare il mondo da sola e mettere a tacere la paura di non farcela, di non essere in grado di avere un lavoro migliore, di dare una svolta alle mie finanze e aria nuova dopo la mummificazione casalinga a cui mi ero involontariamente sottoposta. 
Dopo un anno ancora, eccomi, nella casa che non è casa, con Pablo che è il gatto più gatto del mondo ma non più il mio amore di gatto. Ecco, arrivo al punto in cui mi cito:
Sono molto contenta per il nostro viaggio NSD e niente affatto triste, perché quella settimana mi ha fatto passare la voglia di immiserirmi correndo dietro cose che non mi interessano più, che non hanno colore ma solo la forma di compromessi casuali. Non so quanto potrà durare l'onda lunga di una manciata di giorni benevoli ma siccome siamo a inizio d'anno ed è tempo di buoni propositi, io ci provo e penso in grande! A rileggerci tra 365 giorni per la prova del nove ;-)
Dopo un anno la paura di non farcela da sola, la paura di non riuscire a darmi un futuro è archiviata; non corro più dietro a quelle cose che mi facevano sentire misera ma ne ho trovate di nuove, simili, e tutta l'infelicità che conosco là è rimasta.  Non serve a niente, nel mio caso, scoprire che nuovi compromessi casuali possono migliorare alcune cose giacché tanto sanno  peggiorarne altre. C'è una cosa che ho capito quest'anno, in occasione della nuova folgorazione sul divano che fu mio, accanto al gatto che fu mio, tra le mura che furono casa. La vedete questa faccia? 


Io non la vedo spesso eppure è quella che si specchia ogni mattina nel bagno dell'alloggio dove adesso vivo una specie di vita che non è niente perché non è gioia, non ha colore e mi lascia sempre addosso quel senso di cupa disperazione. Lo sguardo aperto, soddisfatto e felice non l'ho fotografato per caso. Non lo vedo spesso di questi tempi e sono stanca di affogare in sogni tremendi, sono stanca delle nuove paure, sono stanca dell'infelicità che non si cura (per quanto il mio collega, ormai quasi amico, si dia da fare a spiegarmi quanto l'infelicità sia normale visto che della felicità nessuno pare saper nulla o sappia rispondere, a domanda specifica e diretta).

Dunque ecco perché scrivo. Scrivo per essere tacciata di vigliaccheria tra un altro anno, quando il mi progetto sarà eventualmente fallito o dimenticato per convenienza. 
Me ne vado. Un'altra volta sì. 
Ho contato un anno per seguire un progetto di lavoro che mi faccia da salvagente e un periodo adeguato a prendermi il tempo necessario dal lavoro stesso, senza finire per strada, oltre che la pecunia utile a non cacciarmi nei guai (e tu leggi, lo so, e non farmi scherzi...). E' il tempo che, spero, servirà a fugare e mettere via una nuova paura, più terribile e dura delle altre.
Un anno e poi il progetto prevede che io passi un tempo determinato fuori, presso una onlus che segue progetti ambientali coadiuvata da volontari (e finanziatori) subacquei. Sempre che nulla di brutto frattanto accada. Ecco quella paura nuova. E se funziona, se funziona...
Lo dico e lo scrivo perché so che corro il rischio di non farlo e proprio come per il coniglio che mi sono tatuata, e che talvolta trovo orrendo, voglio l'imbarazzo di qualcosa di scritto, che io possa vedere per ricordare quello che ho avuto il coraggio di desiderare. 

So che potrei continuare così, e farcela, e andare avanti tra i mille diversivi e riempitempo che riesco a trovarmi ma la notte succederà sempre quello succede adesso ogni notte. Sono notti peggiori queste, peggiori di quelle dell'abbandono, peggiori di quelle insonni in cui non sapevo se ce l'avrei fatta, brutte come quella della perdita che è ormai più che perduta. E' peggio perché so che a nulla è servito svangare quest'anno così brutto.  

Ora che mi sono sputtanata è andata. Tra 365 giorni, se mai saremo qui, vedremo. 
Bon, grazie per la testimonianza. Non dite nulla, siate pure testimoni silenziosi di questa dichiarazione. 


domenica 18 gennaio 2009

marsa shagra





venerdì 9 gennaio 2009

DEDICATO...


Iniziamo l'anno con un filmato dedicato a tutta la NSD, ma in particolare ad una persona speciale!

video